Team building: i vantaggi del rafting sul fiume Lao

Siamo costantemente e ripetutamente coinvolti, chi più chi meno, a lavorare e operare all’interno di un gruppo. Questo, soprattutto da un punto di vista professionale e aziendale, è un aspetto particolarmente importante sul quale lavorare e sul quale moltissime aziende continuano a investire. La scelta di puntare sulla valorizzazione del gruppo di lavoro è significativa e indicativa di quanto sia importante, utile e produttivo, lavorare in un ambiente sano, competitivo e regolato da dinamiche positive.

Le esperienze a contatto con la natura

La proposta di organizzare discese di rafting sul fiume Lao è finalizzata a immergere il gruppo di lavoro in un’esperienza meravigliosa a contatto con la natura. Un esercizio riassuntivo e rafforzativo di quelle che sono le normali dinamiche di lavoro e confronto, svolte però in un luogo mozzafiato capace di regalare emozioni spettacolari. Come molte altre attività di torrentismo, il rafting sul fiume Lao è uno di quelli che meglio permette di esercitare le tecniche di team building. Non è la semplice attività di torrentismo a fare la differenza, è necessaria anche una preparazione e, soprattutto, un lavoro successivo di meditazione e comprensione di quanto svolto.


rafting fiume lao

Come il rafting rafforza il team building

Ma quali sono le implicazioni, i parallelismi e gli effetti che una discesa di rafting può determinare in un lavoro di team building? Sono molteplici i livelli di azione e vanno dallo sviluppo della leadership e dell’autorevolezza del capo, al miglioramento dei legami tra i vari componenti del team. Le discese di rafting sono attività dove un gruppo di persone condivide lo stesso mezzo di trasporto (il gommone), per il raggiungimento dello stesso traguardo (l’obiettivo) dove la cooperazione è fondamentale anche perché, per quanto è un’attività sicura e non pericolosa, i rischi e gli imprevisti sono costanti.

In questo senso una discesa di rafting è una preziosa e azzeccata metafora delle dinamiche che animano un gruppo aziendale. Oltre a quanto appena detto è importante che un gruppo di lavoro impari a collaborare, mettendo ognuno le proprie competenze e il proprio lavoro al servizio dell’obiettivo comune senza cercare individualismi o anteponendo sé stesso al gruppo. È quindi utile a lavorare su come affrontare una crisi e come questa debba essere gestita insieme, senza scaricare le responsabilità solamente su un singolo elemento. Similmente c’è tutto il discorso legato alla fiducia nei confronti del leader, ovvero di colui che dà le indicazioni. Tra i membri del team ci deve essere comunicazione, fiducia e unità d’intenti; se ognuno fa quello che pensa il rischio di ribaltarsi con il gommone è molto alto e le difficoltà della navigazione aumentano invece di essere gestite.

Una o più giornate formative

Per questo le aziende organizzano spesso fine settimana e giornate formative dove permettere ai propri dipendenti di vivere un tipo di esperienza nuova e qualificante. Sì, perché le qualifiche e le competenze non solo solamente quelle da esporre in un curriculum o una lettera di presentazione, magari suffragata da qualche attestato e riconoscimento. Ci sono anche altre competenze, quelle umane, che è fondamentale stimolare e riuscire a tirare fuori. Il mondo del lavoro è spesso molto difficile in questo senso ed è importante avere le chiavi per disinnescare tensioni e riuscire, nell’interesse di tutti, a portare avanti i propri progetti. Le squadre di lavoro sono a volte come delle famiglie; si condividono molti momenti insieme, magari stando gomito a gomito per giorni e settimane. E se i colleghi, un po’ come i parenti, uno non se li sceglie ma se li ritrova, è doveroso saper valorizzare ogni situazione ed evitare di soccombere. Per il bene di ciascuno e il bene di tutti.

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti